sabato 25 settembre 2021 / ore 11:30 - 12:45
— Area Talk
Piazza Giuseppe Verdi, Trieste, TS, Italia
LONGEVITÀ, SLOW MEDICINE, SPRECO ZERO E MINDFULNESS PER UN FUTURO SOSTENIBILE
Introducono
Bruna Scaggiante, docente di Biologia molecolare Università di Trieste
Catrin Simeth, dirigente medico SC Gastroenterologia ASUGI-Azienda Sanitaria Universitaria Giuliano Isontina
Intervengono
Cristiano Crescentini, docente di Psicobiologia e Psicologia fisiologica Università di Udine
Luigi Fontana, direttore di Medicina metabolica traslazionale e di Ricerca clinica sulla longevità University of Sydney
Andrea Segrè, docente di Politica agraria internazionale e comparata Università di Bologna
Federica Suban, presidente Fipe-Federazione Italiana Pubblici Esercizi, testimonial myfood
Sandra Vernero, co-fondatrice e presidente Slow Medicine, coordinatrice Choosing Wisely Italy
Modera
Cristina Serra, biologa e giornalista scientifica
La tutela della salute che non gravi sulla società e sul pianeta implica una profonda rivisitazione degli obiettivi di educazione, di prevenzione e di cura. Un’etica del vivere per un futuro sostenibile è possibile promuovendo le conoscenze sui concetti della Slow medicine “longevità in salute” e “fare di più non significa fare meglio”, sulla lotta allo spreco alimentare con “Spreco Zero” e sui benefici cognitivi della “Mindfulness”. Siamo chiamati tutti ad affiancare alla ricerca pura la filosofia del co-beneficio, per investire in soluzioni che portino al benessere dell’umanità e dell’ambiente.
A cura di Università di Trieste, in collaborazione con ASUGI-Azienda Sanitaria Universitaria Giuliano Isontina, AIGO-Associazione Italiana Gastroenterologi Ospedalieri e LILT-Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori