venerdì 24 settembre 2021 / ore 21:00 - 22:15
— Molo IV, Auditorium
molo IV P Franco Vecchio, Trieste, TS, Italia
CURA, BELLEZZA E PAROLE: COME CAMBIA IL MODO DI VIVERE L’OSPEDALE
Intervengono
Giovanni Albano, medico, direttore Dipartimento Anestesia e Terapia intensiva Humanitas Gavazzeni e Castelli di Bergamo
Oliviero Bergamini, vicedirettore Rai News 24
Massimo Castoldi, direttore sanitario Ospedali Humanitas Gavazzeni Castelli
Michela Murgia, scrittrice [foto di Chiara Pasqualini]
Conduce
Tatiana Debelli, giornalista
Il racconto e la bellezza come terapia: raccontare storie di sollievo, di dolore, di gioia o di paura di fronte alla malattia, aprendo le porte dell’ospedale e dimostrando che il racconto e la bellezza possono essere una terapia e una chiave per accompagnare la ripartenza personale e del territorio. È questo l’obiettivo di “Opere in Parole”, progetto nato dalla collaborazione tra Humanitas Gavazzeni e Castelli di Bergamo e il museo Accademia di Carrara, che ha portato oltre 1200 metri quadrati di arte in ospedale, in un formato inedito e immersivo, accompagnati dalle voci di grandi interpreti della cultura italiana. “Opere in Parole” si presenta a Trieste Next con alcuni dei suoi protagonisti, Oliviero Bergamini e Michela Murgia, per raccontare al pubblico come la medicina narrativa permette di sviluppare nuovi canali di comunicazione tra medici, infermieri e pazienti. Oliviero Bergamini presenterà il racconto di viaggio “Di viaggi e di fortezze”: ci sono le città murate di oggi e di ieri nel suo racconto di viaggio, durante il quale fotografa con le parole l’Afghanistan nel gioco degli aquiloni dei bambini di Kabul e nei colori del mercato di Herat, Venezia regina dei mari, Bergamo fortezza con le Mura Venete. Chiusura e apertura. Due energie, i due poli dell’essere. Michela Murgia, invece, è autrice del racconto “Il leone”. Ci sono animali di affezione, domestici e selvatici. Una distinzione che si fonda sul tipo di rapporto che l’uomo ha con loro. E che nel racconto di Michela Murgia diventa la chiave di lettura delle relazioni tra le persone. Più precisamente tra una donna e il suo uomo, in un moto di amore, orgoglio e libertà rimuginato nel luogo della mente dove tutti noi culliamo i pensieri non detti.
A cura di Humanitas Gavazzeni