a
Peter
Wadhams
È uno dei massimi esperti a livello mondiale di ghiaccio marino e degli oceani polari, con oltre 40 anni di ricerca. Ha diretto lo Scott Polar Research Institute in Cambridge dal 1987 al 1992, ed è stato docente di Fisica degli oceani e a capo del Polar Oceans Physics Group nel Dipartimento di Matematica applicata e Fisica teorica (DAMTP) dell’Università di Cambridge dal 1992 al 2015. È ora Professore Emerito. Ha condotto 54 spedizioni polari di ricerca sul campo, inclusi sei viaggi in sottomarino al Polo Nord, e ha svolto la sua ricerca da campi provvisori sul ghiaccio, aerei, elicotteri e con veicoli autonomi sottomarini telecomandati. Ha ricevuto finanziamenti per la sua ricerca dall’Unione Europea, dall’Office of Naval Research degli Stati Uniti, e molte altre agenzie pubbliche e private. Ha a suo attivo circa 300 pubblicazioni. Ha ricevuto il Premio W.S. Bruce della Royal Society di Edimburgo, la Medaglia Polare da Sua Maestà la Regina Elisabetta II e il Premio Italgas per le Scienze Ambientali. Uno dei suoi incarichi recenti è quello di docente dell’Università Politecnica delle Marche, ad Ancona. Ha trascorso periodi come docente negli Stati Uniti, Giappone e Francia. È membro della Royal Geographical Society, dell’Accademia Finnica, dell’Arctic Institute of North America e dell’Explorers Club, New York. È stato recentemente nominato come unico membro straniero del Comitato Scientifico per l’Artico, che definisce il Programma di Ricerche in Artico del CNR per il triennio 2018-2020. Attualmente, fino a dicembre 2019, ha un incarico di professore in visita al Politecnico di Torino.
sabato 28 settembre 2019 / ore 18:00 - 19:15
Teatro Miela
Farewell to ice
Keynote lecture di
Peter Wadhams, già docente di Ocean Physics University of Cambridge, autore di "Addio ai ghiacci" (Bollati Boringhieri), finalista al Premio Galileo 2019
Con la partecipazione di
Maria Pia Casarini, già direttore istituto Geografico Polare "Silvio Zavatti" di Fermo, vice-presidente Polar Educators International
Conduce
Antonio Maconi, direttore Trieste Next