Ilaria
Pertot
Professore ordinario di patologia vegetale presso l’università di Trento, precedentemente ha lavorato per 20 anni come ricercatrice presso la Fondazione Edmund Mach dove ha coordinato per numerosi anni il Dipartimento agroecosistemi sostenibili e biorisorse.
Dopo aver conseguito il dottorato di ricerca in protezione delle colture presso l’Università di Udine, ha continuato la sua carriera nella ricerca occupandosi principalmente di ricerca e sviluppo di metodi a basso impatto per la difesa delle piante da patogeni e parassiti, effetto del cambiamento climatico sulle piante e sui loro parassiti e sulle malattie nuove o emergenti delle piante.
Ha svolto la sua attività di ricerca alternando vari periodi di attività in prestigiosi centri di ricerca negli Stati Uniti (UC Berkeley), Svizzera (Politecnico Federale di Zurigo) e Israele (Volcani Center). Nell’ambito di un progetto di ricerca europeo ha recentemente lavorato in Belgio come direttore scientifico presso un’azienda che sviluppa biopesticidi e come ricercatrice presso una multinazionale dell’agrofarmaco.
Le sue competenze spaziano da aspetti di microbiologia, biologia molecolare ed epidemiologia allo sviluppo industriale di biopesticidi. È inventrice di 4 brevetti relativi a biofungicidi (di cui uno è un prodotto attualmente in commercio in diversi paese europei) ed autrice di più di 200 pubblicazioni scientifiche e tecniche.
È vice presidente dell'International Organisation for biological Control and integrated pest management (IOBC-wprs) e coordinatorice di numerosi progetti di ricerca internazionali.
domenica 30 settembre 2018 / ore 15:00 - 16:15
Salone di Rappresentanza, Palazzo della Regione
PESTICIDI NEL PIATTO? LA REALTÀ TRA SCIENZA E FAKE NEWS
Intervengono
Valerio Mazzoni, entomologo, Fondazione Edmund Mach
Ilaria Pertot, direttore Centro Agricoltura Alimenti Ambiente C3A, Università di Trento
Modera
Andrea Segrè, presidente Fondazione Edmund Mach