Home » ENERGIA: influENza della lucE laseR sulle strateGIe cellulAri

ENERGIA: influENza della lucE laseR sulle strateGIe cellulAri

A cura del Dipartimento Clinico di Scienze mediche, chirurgiche e della salute, in collaborazione con ANVOLT-Associazione Volontari Lotta contro i Tumori, sede di Trieste 

BIO:

Il team di medici è composto dal prof. Matteo Biasotto, Presidente del Corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria e Responsabile dell’Ambulatorio di Medicina e Patologia Orale della Clinica Stomatologica di Trieste e degli odontoiatri dell’Ambulatorio Giulia Ottaviani, Katia Rupel, Margherita Gobbo e Augusto Poropat. Il team si occupa della ricerca sulle patologie del cavo orale e sui meccanismi di funzionamento e di applicazione della laser terapia.

ABSTRACT:

Da più di 10 anni il team si occupa dell’utilizzo della laser terapia nella gestione di diversi tipi di patologie grazie ai suoi molteplici effetti: l’analgesia, l’effetto anti-infiammatorio, la promozione della guarigione delle ferite e l’effetto antimicrobico. Parallelamente conduce un’attività di ricerca per comprendere i meccanismi molecolari di tali effetti terapeutici.

L’azione della luce/energia può infatti influenzare in maniera decisiva il comportamento cellulare, determinando la vita, la proliferazione o la morte della cellula stessa. Alla base di questo comportamento ci sono complessi meccanismi biochimici, alcuni ben conosciuti e altri meno. Partecipando alle attività e agli esprimenti, il pubblico potrà capire gli effetti, spesso opposti, delle diverse lunghezze d’onda della luce sui diversi comparti cellulari e quindi sull’intero organismo.

CELLULE IN MOVIMENTO: AL DI LÀ DEI PREGIUDIZI!

ANVOLT sarà a disposizione delle persone che visiteranno la postazione per parlare di “Prevenzione e pregiudizio”. Medici specialisti e biologi nutrizionisti parleranno con i visitatori delle cure farmacologiche innovative nella terapia del dolore e nei tumori della pelle, puntando a sradicare alcuni pregiudizi in campo alimentare e ginecologico. Le mattinate saranno dedicate a parlare con i ragazzi delle scuole di prevenzione (es. HPV, vaccini…), tecniche di mindfulness e musicoterapia.

Nello spazio esterno alla tensostruttura dell’Università si terrà un laboratorio didattico per evidenziare gli aspetti positivi dei videogame, come conoscenza del sé e interazione sociale, per costruire in questo modo un’intelligenza “di gruppo”.