Home

Caricamento Eventi

« Scopri tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Come il mare aiuta la ricerca sul cancro

23 settembre 2017 | Ore 11:30 - 12:45

REGISTRAZIONI ONLINE CHIUSE | Introduce Guido Perelli Rocco, presidente AIRC Friuli Venezia Giulia. Intervengono Giannino Del Sal, direttore Dipartimento di Scienze della Vita, docente di Biologia applicata, Università di Trieste, responsabile dell’Unità Operativa Oncologia Molecolare, Laboratorio Nazionale CIB-AREA Science Park Trieste, Maurizio D’Incalci, direttore Dipartimento di Oncologia, Istituto Mario Negri di Milano, Giorgio Mustacchi, eminente studioso in Oncologia medica, Università di Trieste. Modera Simona Regina, giornalista. A cura di Università di Trieste, in collaborazione con AIRC.

Le registrazioni online per questo evento sono chiuse: eventuali posti disponibili in sala verranno messi a disposizione del pubblico a partire da 15 minuti prima dell’inizio dell’appuntamento. Per scoprire gli altri appuntamenti in programma sabato, clicca qui

Dopo la presentazione dell’AIRC da parte del Presidente regionale Guido Perelli Rocco, Giorgio Mustacchi illustrerà i progressi ottenuti nella lotta contro i tumori e il ruolo della ricerca. Gli interventi successivi di Maurizio D’Incalci e Giannino Del Sal, offriranno una panoramica sulle risorse contro il cancro che vengono dal mare e dalla sua incommensurabile ricchezza biologica. Ricci di mare, vongole e tunicati sono infatti solo alcuni degli alleati marini della ricerca sui tumori, la cui storia inizia dalla scoperta dei fattori che governano il moltiplicarsi delle cellule per arrivare a quella della Trabectedina, un potente antitumorale derivato da una sostanza prodotta da un organismo marino che vive nel mar dei Caraibi (Ecteinascidia turbinata). La trabectedina è un farmaco antitumorale scoperto nel 1969. Come molti altri chemioterapici che interagiscono con il DNA, la trabectidina produce delle profonde perturbazioni del ciclo cellulare, che portano la cellula alla morte cellulare programmata (apoptosi). L’Eribulina mesilato è un inibitore della dinamica dei microtubuli, appartenente alla classe di agenti antineoplastici delle alicondrine. È un analogo sintetico strutturalmente semplificato dell’alicondrina B, un prodotto naturale isolato dalla spugna marina Halichondria okadai. L’Eribulina inibisce la fase di accrescimento dei microtubuli, bloccando così la riproduzione cellulare e portando inevitabilmente alla morte della cellula stessa. È ampiamente utilizzata nella cura del carcinoma mammario localmente avanzato o metastatico. La Lurbinectedina è un nuovo farmaco antineoplastico che mima molti composti naturali di origine marina, appartenente alla categoria degli alcaloidi derivati da prodotti naturali. Strutturalmente è simile ad altre sostanze di origine marina quali jorumycina (isolate da un nudibranco del Pacifico), ecteinascidine (isolate dai tunicati), renieramycine (isolate dalle spugne), safracine e saframycine (isolate da batteri e spugne). Ha dimostrato forte attività antitumorale in modelli in vitro e ha avuto risultati positivi in esperimenti in vivo in numerosi tumori umani. Sono in corso alcuni studi sul suo utilizzo nel sarcoma di Ewing, nei carcinomi uroteliali, nel mieloma multiplo e nel cancro dell’utero e della cervice uterina.

Guido Perelli Rocco, laureato nel 1964 in Economia all’Università Bocconi di Milano, dal 1964 al 1970 è responsabile del Controllo di Gestione di Bordoni Miva SpA Milano (Vetrerie del gruppo Saint Gobain), successivamente Direttore Finanziario fino al 1988 e, dal 1989, Direttore Generale della Stock SpA Trieste. Quindi, dal pensionamento, diviene Consulente Strategico di Stock SpA Trieste. Dal 2008 è Amministratore delegato della Società Grado Impianti Turistici – GIT SpA, società di gestione delle spiagge, terme, parco acquatico e piscine termali di Grado (GO).

Giorgio Mustacchi, nato nel 1947, si è laureato a Trieste nel 1972. È stato Direttore del Centro Oncologico di Trieste dal 1978 gestendo anche le attività di diagnosi precoce, assistenza domiciliare e hospice. Dal 1992 è stato anche Docente di Oncologia Medica dell’Università di Trieste. Nel 2012 ha cessato la professione per raggiunti limiti di età e di servizio. Nominato dalla Facoltà Eminente Studioso in Oncologia medica, continua a svolgere attività didattica e di ricerca. Attualmente coordina diversi studi nazionali e internazionali sul carcinoma mammario. È autore/coautore di un centinaio di pubblicazioni scientifiche e di circa 200 presentazioni a Convegni nazionali e internazionali e di diversi capitoli di libri di oncologia. È rappresentante per l’Italia nella Onlus “AROME” che si occupa di equità, accessibilità e qualità delle cure del cancro nei Paesi mediterranei a basso reddito. È Vicepresidente e Responsabile scientifico della sezione regionale dell’AIRC.

Maurizio D’Incalci, medico e farmacologo, è direttore del Dipartimento di oncologia dell’Istituto Mario Negri di Milano. Ha lavorato al National Cancer Institute di Bethesda, negli Stati Uniti, e ha avuto numerosi incarichi in organismi internazionali per lo sviluppo di farmaci antitumorali. Autore di oltre 400 articoli, è membro del comitato editoriale di numerose riviste scientifiche. Ha dedicato la sua vita a un farmaco, la trabectedina, una molecola di origine marina, approvata per la cura dei sarcomi e del tumore dell’ovaio.

Giannino Del Sal, è professore ordinario di Biologia Applicata presso l’Università di Trieste, dove è anche Direttore del Dipartimento di Scienze della Vita, ed è a capo dell’unità di Oncologia Molecolare del Laboratorio Nazionale CIB di Trieste, in Area Science Park. I suoi interessi di ricerca si focalizzano sui meccanismi della formazione e progressione dei tumori, che studia con approcci di ricerca di base e traslazionale. Il suo lavoro ha fornito contributi seminali alla comprensione della biologia del cancro e ha prodotto oltre un centinaio di pubblicazioni scientifiche.

Simona Regina, è giornalista scientifica freelance. Conduce Moebius su Radio24 – IlSole24Ore e collabora con Radio1 Rai del Friuli Venezia Giulia: ha curato e condotto il magazine sugli stereotipi di genere “Donne al volante”, “People, Science & the City” sulle nuove frontiere della ricerca scientifica in campo biomedico e “Start up progettiamo il presente”. Scrive per Focus, Ok Salute e Benessere, Io Donna, Le Scienze, Mente&Cervello, Oggi, Il Venerdì di Repubblica, Nostrofiglio.it, Il Piccolo e collabora alla gestione dell’ufficio stampa dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (OGS) di Trieste.

 

Dettagli

Data:
23 settembre 2017
Ora:
11:30 - 12:45

Luogo

Museo Revoltella
Via Armando Diaz 27
Trieste, TS 34123 Italy
+ Google Maps