Home

Caricamento Eventi

« Tutti Eventi

  • Questo evento è passato.

Homo technologicus: dagli automi ai robot umanoidi

25 settembre 2016 | Ore 18:00 - 19:30

Intervengono Giuseppe O. Longo, scrittore e professore emerito, Università di Trieste; Paolo Gallina, docente di Robotica e meccanica applicata, Università di Trieste. Conduce Andrea Sgarro, docente di Informatica, Università di Trieste

A cura di Università di Trieste

Il robot, unione di mente artificiale e di corpo artificiale, rappresenta l’ultima versione del nostro tentativo plurisecolare di costruire l’uomo artificiale. In passato questo tentativo ha portato alla costruzione degli automi, che imitavano goffamente movimenti e capacità umane. L’avvento del computer ha inaugurato l’era dei robot, in particolare dei robot umanoidi, la cui somiglianza con noi si estende dall’aspetto esteriore alle capacità cognitive e motorie e in prospettiva anche alle emozioni e forse alla coscienza. Ne derivano interrogativi inediti, che riguardano il rapporto di convivenza uomo-macchina e che coinvolgono anche l’etica. 

ANDREA SGARRO E’ professore ordinario di Informatica. Vincitore di una cattedra di Cibernetica, si occupa di aspetti fondazionali e matematici; isuoi interessi di ricerca sono la teoria dell’informazione e dei codici, la crittografia, il soft computing, la gestione delle conoscenze incomplete (incomplete knowledge management), la bioinformatica e la linguistica computazionale. Responsabile della sezione Scienza e tecnologia del Circolo della Cultura e delle Arti di Trieste, è assai attivo nella divulgazione e comunicazione scientifica: il suo Codici segreti, Oscar Mondadori, e Crittografia, Muzzio, hanno presentato per la prima volta la nuova crittografia a una platea di lingua italiana. Nel tempo libero si diletta di lingue (ne parla una dozzina con diverso grado di competenza) e suona il flauto traverso barocco.

GIUSEPPE O. LONGO Professore emerito di Teoria dell’informazione alla Facoltà d’Ingegneria dell’Università di Trieste, si occupa di epistemologia, di intelligenza artificiale e delle conseguenze socioculturali ed etiche dello sviluppo tecnico. Su questi temi ha pubblicato numerosi saggi. Scrive per Avvenire, Prometeo, Mondo Digitale, e collabora alla Rai. Narratore e drammaturgo (tre romanzi, dieci raccolte di racconti e un volume di lavori teatrali), le sue opere sono tradotte in diverse lingue. È anche traduttore e attore (l’interpretazione più recente nel suo dramma Farm Hall 45, replicato a Firenze il 4 dicembre 2014).

PAOLO GALLINA E’ nato a Castelfranco Veneto (TV) nel 1971. Si laurea nel 1996 in Ingegneria Meccanica all’Università di Padova. Nel 1999 riceve il titolo di Dottore di Ricerca in Meccanica Applicata alle Macchine presso l’Università di Brescia, Brescia (Italia).  Dal 1999 al 2002 è stato ricercatore di Meccanica Applicata alle Macchine all’Università di Padova. Attualmente, risultato vincitore di concorso, è incardinato al Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura, Università di Trieste, col ruolo di Professore associato di Meccanica Applicata alle Macchine.  È stato visiting professor all’Ohio University, nel 2000/1, dove si è occupato di interfacce aptiche a cavi con particolare attenzione alla manipolabilità. Nel 2002 allestisce ex novo il Laboratorio di Meccatronica, di cui è responsabile, laboratorio impiegato esclusivamente per fini didattici.Nel 2003 allestisce il Laboratorio di Robotica dove oggi svolge la parte preponderante della sua attività di ricerca. È stato presidente del Consiglio del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica dal 2004 al 2008. I suoi campi di ricerca riguardano le vibrazioni, le interfacce uomo macchina e la robotica. L’attività di ricerca è testimoniata da più di 80 pubblicazioni su riviste e congressi internazionali. Attualmente sta conducendo un progetto che ambisce ad impiegare un robot per realizzare quadri. È autore del saggio scientifico “L’anima delle Macchine”, 2015, Dedalo Ed.

Dettagli

Data:
25 settembre 2016
Ora:
18:00 - 19:30

Luogo

Teatro Miela
piazza Luigi Amedeo Duca degli Abruzzi 3
Trieste, TS Italy
+ Google Map: