Home

Caricamento Eventi

« Tutti Eventi

  • Questo evento è passato.

Arte, scienza e robotica nell’era del Postumano

23 settembre 2016 | Ore 16:00 - 17:00

Introduce Maria Campitelli, presidente associazione culturale Gruppo 78. Interviene Paolo Gallina, docente di Robotica e meccanica applicata, Università di Trieste

A cura di Università di Trieste e Gruppo 78

Le registrazioni online per questo evento sono chiuse. Ricordiamo che la registrazione online dà accesso garantito in sala presentandosi almeno 15 minuti prima dell’orario ufficiale di inizio dell’evento; a partire da 15 minuti prima dell’inizio dell’appuntamento, eventuali posti non utilizzati saranno messi a disposizione di chi effettua la registrazione in loco. 

La tecnologia si sta sviluppando a ritmi esponenziali. In questa corsa, è possibile che contamini aspetti che apparentemente sono agli antipodi rispetto ad essa, quali l’arte e la rappresentazione figurativa. Negli ultimi decenni si è assistito a tentativi, alcuni riusciti, altri primordiali, altri ancora solo provocatori, di impiegare la robotica col fine di produrre oggetti che avessero una dignità di opera d’arte. Tutto ciò pone dei quesiti, soprattutto inerenti il sottile confine esistente tra opera d’arte e mero prodotto tecnologico. Un quadro prodotto da un robot dotato di intelligenza artificiale è un oggetto d’arte o meno? L’algoritmo con cui il robot viene programmato ha valenza artistica? Queste e altre domande necessitano un dibattito al quale dovrebbero partecipare un po’ tutti, tecnologi, artisti, filosofi e, perché no, anche i non addetti ai lavori.

MARIA CAMPITELLI Curatrice d’arte contemporanea, è presidente dell’associazione culturale Gruppo78. Ha realizzato oltre 500 iniziative, soprattutto mostre, incentrate sulla contemporaneità, interessandosi alla multimedialità, ai nuovi scenari artistici introdotti dalle tecnologie avanzate¸ alla public art, alla mappatura e alla riqualificazione di luoghi abbandonati, al rapporto arte/scienza. Promuove scambi culturali internazionali, in particolare con il Messico, importando ed esportando eventi, come nel 2014 la grande mostra “Messico Cica 2000” alle Scuderie di Miramare.

PAOLO GALLINA Paolo Gallina è nato a Castelfranco Veneto (TV) nel 1971. Si laurea nel 1996 in Ingegneria Meccanica all’Università di Padova. Nel 1999 riceve il titolo di Dottore di Ricerca in Meccanica Applicata alle Macchine presso l’Università di Brescia, Brescia (Italia).  Dal 1999 al 2002 è stato ricercatore di Meccanica Applicata alle Macchine all’Università di Padova. Attualmente, risultato vincitore di concorso, è incardinato al Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura, Università di Trieste, col ruolo di Professore associato di Meccanica Applicata alle Macchine.  È stato visiting professor all’Ohio University, nel 2000/1, dove si è occupato di interfacce aptiche a cavi con particolare attenzione alla manipolabilità. Nel 2002 allestisce ex novo il Laboratorio di Meccatronica, di cui è responsabile, laboratorio impiegato esclusivamente per fini didattici.Nel 2003 allestisce il Laboratorio di Robotica dove oggi svolge la parte preponderante della sua attività di ricerca. È stato presidente del Consiglio del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica dal 2004 al 2008. I suoi campi di ricerca riguardano le vibrazioni, le interfacce uomo macchina e la robotica. L’attività di ricerca è testimoniata da più di 80 pubblicazioni su riviste e congressi internazionali. Attualmente sta conducendo un progetto che ambisce ad impiegare un robot per realizzare quadri.È autore del saggio scientifico “L’anima delle Macchine”, 2015, Dedalo Ed.

 

Dettagli

Data:
23 settembre 2016
Ora:
16:00 - 17:00

Luogo

Museo Revoltella
Via Armando Diaz 27
Trieste, TS 34123 Italy
+ Google Map: